Claudio è qui. Era ora.

È sceso da quel palco, Claudio.

E su quel palco ha lasciato le scorie del politicamente corretto e il Baglioni da salotto radical-chic.

Lui non è più lì, ma finalmente è qui, dove è sempre stato, poggiato mani e piedi sulle fondamenta del suo personaggio musicale, nato prima, molto prima, dell’animale da palcoscenico e del grande performer.

L’ultimo Claudio, quello che abbiamo amato come atto di fede, ha girovagato fra musica e parole cercando un altro Claudio, che forse non è mai esistito: un po’ più impegnato, ansioso di piacere, troppo preoccupato di non sembrare solo un’anziana icona della musica leggera italiana.

Uno sforzo enorme, inutile per un artista che non ha mai avuto bisogno di dimostrare nulla.

In questo singolo Claudio torna se stesso, si cita senza sembrare tracotante, perché solo i giganti possono scrivere di se stessi e restare umili: c’è la maglietta fina, ci sono i giorni di neve, c’è la ragazza di campagna, c’è l’abbraccio e il bacio, ci sono i tramonti, le albe e le aurore della sua Roma adagiata lungo il Tevere.

E molto altro ancora, ripercorrendo parola dopo parola l’immensa discografia e le decine di testi che hanno riempito diari e cuori in cinquant’anni di storia musicale.

E c’è la sua donna, chiunque essa sia: la sua musa ispiratrice, l’unica scintilla che abbia mai potuto accendere il fuoco sacro e fatuo dell’immenso talento vocale e artistico del ragazzo di Montesacro, quella che chiudeva a chiave la porta e quella dei mille giorni di lui e di lei.

È solo un singolo, ma ci racconta come un pischello del ‘51 ritrovi “l’alfa e l’omega” grazie al più banale e introvabile dei talenti: la semplicità.

Semplice il motivo, semplice e struggente il testo, semplice la chiave di lettura per gli esegeti del pensiero baglioniano come per i figli e le nipoti che lo hanno visto nei vinili sotto naftalina prima che a sgambettare sul palco dell’Ariston.

Strada facendo Baglioni torna a far vibrare le corde dei sentimenti e riabbraccia il suo pubblico, forte forte, a settant’anni.

Come un ragazzino, parlando d’amore.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...